Trend e Consumi

Mandorle e api, il “Guardian” lancia l’allarme

api mandorle
Redazione
Scritto da Redazione

Il popolare quotidiano inglese denuncia una grande moria di questi insetti fondamentali.

“E’ come mandare le api in guerra”. Con questo titolo molto espressivo, il quotidiano inglese “Guardian” ha denunciato nei giorni scorsi la grande moria di api in California, il più grande produttore al mondo di mandorle.

Raccontando la storia dell’apicoltore statunitense Dennis Arp, è scritto tra l’altro nel servizio citato: “Come la maggior parte degli apicoltori commerciali negli Stati Uniti, almeno la metà delle entrate di Arp proviene ora dalle impollinatrici di mandorle. Vendere miele è molto meno redditizio che affittare le sue colonie a mega-fattorie nella fertile Central Valley della California, che ospita l’80% della fornitura mondiale di mandorle. Ma mentre l’inverno si avvicinava, le sue api iniziano ad ammalarsi.

A ottobre 150 degli alveari di Arp sono stati spazzati via dagli acari, il 12% del suo capitale in pochi mesi. La sua storia non è isolata. “Gli apicoltori commerciali che inviano i loro alveari alle fattorie di mandorle vedono morire le loro api in numero record e nulla di ciò che fanno sembra fermare il declino”, continua il quotidiano, che cita un recente sondaggio tra apicoltori commerciali, che ha mostrato che 50 miliardi di api – più di sette volte la popolazione umana del mondo – sono state spazzate via in pochi mesi durante l’inverno 2018-19. Si tratta di oltre un terzo delle colonie di api commerciali statunitensi, il numero più alto dall’inizio dell’indagine annuale a metà degli anni 2000.

Gli apicoltori hanno attribuito l’alto tasso di mortalità all’esposizione ai pesticidi, alle malattie da parassiti e alla perdita dell’habitat. Tuttavia, ambientalisti e apicoltori biologici sostengono che il vero colpevole è qualcosa di più sistemico: la dipendenza americana dai metodi di agricoltura industriale, in particolare quelli usati dall’industria delle mandorle, che richiede una meccanizzazione su larga scala di uno dei processi naturali più delicati della natura”.

Scrivi un Commento