fg_15ott-31dic
Trend e Consumi

Nocciole, in Piemonte oltre 103.000 quintali certificati IGP

nocciola
Redazione
Scritto da Redazione

Ad affermarlo è Coldiretti, che fornisce i primi dati sulla raccolta 2019.

Ha preso il via nei giorni scorsi la raccolta delle nocciole in Piemonte, in particolare nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo, ma la coltivazione si è diffusa in questi ultimi anni anche nel torinese e nella parte nord della regione. “Importante prodotto per l’economia del territorio – spiega Coldiretti – la Nocciola Igp Piemonte, coltivata su una superficie complessiva di oltre 20.000 ettari di cui 15.000 sono impianti attivi e la produzione totale è di 240.000 quintali di cui 103.000 certificati Igp, è tra le eccellenze agroalimentari del Piemonte, conosciuta oltre i confini nazionali.

Ci sono quindi numeri in crescita per il progetto corilicolo di Coldiretti Piemonte, testimonianza di quanto gli accordi di filiera e la disponibilità dell’industria più lungimirante possano portare concreti benefici. Da oltre tre anni, infatti, attraverso l’accordo di filiera stipulato col gruppo dolciario Novi-Elah-Dufour di Novi Ligure e Coldiretti, che coinvolge i produttori alessandrini, astigiani e cuneesi, vengono conferiti oltre 10.000 quintali di nocciole”.

“Proprio grazie a questi progetti di filiera siamo in grado di offrire nuovi sbocchi economici ai nostri produttori – spiegano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e il delegato confederale Bruno Rivarossa –.  Un progetto che guarda alla qualità e alla valorizzazione di un prodotto di eccellenza piemontese, oltre ad essere un esempio di trasparenza ed eticità. Purtroppo, proprio la nocciola, ingrediente principe di svariate preparazioni dolciarie, è spesso coltivata all’estero in condizioni lavorative di sfruttamento e una grande quantità viene importata anche in Italia. L’accordo con la Novi, realmente interessata a un prodotto di qualità, premia i produttori con un sistema che prevede un prezzo garantito al momento del conferimento e, soprattutto, una sua rivalutazione durante l’annata nel caso in cui il mercato registrasse un aumento del valore delle nocciole. Si tratta, dunque di agroindustrie – concludono Moncalvo e Rivarossa – che hanno come obiettivo la tutela del Made in Italy ed in Piemonte, obiettivo che si sposa con quello di Coldiretti per lo sviluppo economico ed occupazionale del Paese, ma anche per mantenere e valorizzare la distintività delle nostre produzioni d’eccellenza”.

Scrivi un Commento