anuga_top_2-30set
Trend e Consumi

“Nocciole nella Tuscia, una questione politica”

nocciole
Redazione
Scritto da Redazione

Il presidente di Coldiretti Viterbo, Mauro Pacifici, interviene sul paventato “rischio monocoltura”.

Nell’ambito di una nota condivisa tra Coldiretti Viterbo e Coldiretti Lazio sui percorsi da intraprendere per il futuro, il presidente di Coldiretti Viterbo, Mauro Pacifici, è intervenuto tra l’altro sulla questione nocciole nella Tuscia. “Vorrei dire due parole – dice Pacifici – per questa fantomatica e ridicola guerra alle nocciole, di carattere a mio avviso squisitamente politico: in primis, dai dati ufficiali, non esiste alcun pericolo monocoltura, poiché i nuovi impianti di nocciolo quest’anno si sono fermati (0,2% di aumento) e non aumenteranno ulteriormente, poiché i terreni vocati sono praticamente stati utilizzati tutti e ricordiamoci anche che la coltivazione del nocciolo ricopre solo il 14 % delle aree coltivate nella Tuscia. C’è da considerare, poi, che il nocciolo è una coltivazione rustica, che è paradossalmente la pianta meno trattata in assoluto e che gli agricoltori utilizzano ormai tecniche di coltivazione a basso impatto ambientale, con botti elettrostatiche che azzerano la dispersione dei prodotti fitosanitari nell’aria, concimazioni fogliari e uso di trinciatrici al posto dei diserbanti.

I dati qualitativi del Lago di Vico – prosegue Pacifici – parlano chiaro: non esiste più inquinamento da coltivazione della nocciola e la balneabilità è totale e perfetta. Occupiamoci pertanto della plastica, dello smaltimento dei rifiuti e dello smog e non delle povere piante di nocciolo che ci garantiscono un’altissima qualità del prodotto, contro le importazioni dalla Turchia di prodotti pieni di aflatossine e con nocciole raccolte sfruttando il lavoro minorile. I coltivatori di nocciola della Tuscia andrebbero premiati per come stanno riconvertendo il loro modo di coltivare eco-sostenibile e per tutto il lavoro che danno ai nostri giovani, e non utilizzati per fini politici, perché tutti sappiamo a cosa è dovuto l’inquinamento del Lago di Bolsena e quali sono i veri problemi del territorio della Tuscia”.

Scrivi un Commento