anuga_top_2-30set
Tecnologia e Packaging

Le nocciole “vincono” il premio Ancalau

nocciole
Marco Pederzoli
Scritto da Marco Pederzoli

Le nocciole fanno vincere il premio “Ancalau” 2016, giunto alla sua seconda edizione. E’ successo nel piccolo comune piemontese di Bosia (CN) e, ad aggiudicarsi il riconoscimento, è stata domenica scorsa Lisa Ciccarelli, 30 anni, residente in provincia di Varese. Il premio “Ancalau”, termine che in piemontese significa “colui che osa”, è un’iniziativa che vuole premiare il coraggio e le idee originali. Ebbene, con gli scarti derivanti dalla lavorazione delle nocciole, Lisa ha pensato di ricavare carta e oggetti di design.

Partendo dal problema dell’autosmaltimento dei residui agricoli – ha dichiarato la vincitrice al quotidiano La Stampa – sono arrivata a realizzare un progetto legato alla coltivazione del nocciolo in Alta Langa. Ho già creato della carta nera e un pressato di gusci, con i quali si possono realizzare pezzi unici di design ecosostenibile come quelli che ho presentato davanti alla giuria”. Grazie alla sua idea originale, Lisa ha vinto i 10.000 euro messi in palio dal premio, che serviranno per trasformare i prototipi da lei creati in una linea vera e propria di prodotti, come la carta di nocciolo per creare etichette e scatole.

La stessa giuria del Premio Ancalau è stata composta da personalità di primo piano del mondo dell’imprenditoria e non solo. Oltre al presidente, il patron di Eataly Oscar Farinetti, c’erano Maurizio Molinari, direttore de La Stampa, il rettore dell’Università di Scienze gastronomiche Piercarlo Grimaldi, il presidente della Banca d’Alba Tino Cornaglia, l’amministratore delegato di Egea Pier Paolo Carini, l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo Antonella Parigi, il prefetto di Cuneo Giovanni Russo e il vicepresidente del Club Investitori di Torino, Mauro Ferrari. Oscar Farinetti ha commentato su La Stampa: “Abbiamo scelto il progetto che tendeva più al difficile senza sconfinare nell’impossibile. E quello che potrà diventare realmente fattibile con il nostro contributo di 10 mila euro”.

 

Scrivi un Commento